VILLA FEANDA

Le nostre storie più belle


isole-tematiche-villa-feanda.jpg

25 maggio 2018

Avete mai sentito parlare di angoli aperitivi e angoli buffet? Piccole zone della location dove si tiene la cerimonia adibite al servizio di stuzzicherie agli ospiti in attesa del vero e proprio pranzo dove si accalcano decine di invitati dando vita a una vera e propria "battaglia" per la conquista di un piatto. Villa Feanda ha superato il concetto di angolo aperitivo dando vita a delle vere e proprie isole tematiche che non sono semplicemente delle piccole zone dove offrire prodotti diversi agli ospiti, ma dei veri e propri mini-percorsi enogastronomici in grado di soddisfare anche i palati più esigenti.


allestimento-villa-feanda.jpg

8 maggio 2018

Quale coppia di sposi vorrebbe assistere, nel giorno più bello e importante della sua vita, ad un caos di colori, stili e gusti diversi? Ve lo diciamo noi. Nessuno. Coordinare lo stile della sala con il gusto degli sposi non è sempre facile, ma è uno step fondamentale per la perfetta riuscita della cerimonia. Allo stesso modo può essere fondamentale coordinare il tema della chiesa con il tema scelto per gli addobbi della sala. Noi di Villa Feanda non amiamo le cerimonie "standard", basate su pochi scarni elementi uguali per tutti. Noi vogliamo offrire sempre il meglio ai nostri sposi, a partire dal grado di personalizzazione che deve essere sempre elevatissimo.


Villa-feanda-restyling.jpg

9 aprile 2018

Lavoriamo giorno dopo giorno per offrire sempre il meglio ai nostri clienti. Lo scorso mese di novembre abbiamo ristrutturato la nostra sala principale apportando alcune importantissime modifiche agli ambienti. La ristrutturazione ha interessato la sala a 360 gradi. Abbiamo iniziato dal colore delle pareti (variando dal giallo al tortora, colore più di moda) fino a prevedere un importante restauro delle pavimentazioni. Ma vediamo tutto nel dettaglio.


scappa-finchè-sei-in-tempo.jpg

26 marzo 2018

Se sei in cerca della location ideale per il tuo matrimonio non ti saranno sicuramente sfuggiti i tantissimi blog e/o siti web che raccontano le disavventure di chi, nel giorno del suo matrimonio, si è trovato alle prese con una situazione a dir poco paradossale. Molte location infatti mettono a disposizione la loro struttura per più cerimonie contemporaneamente. Il risultato? Quasi sempre disastroso. Di sovente capita che gli invitati delle due cerimonie confondono i buffet partecipando al matrimonio per il quale non sono invitati. Una situazione che Villa Feanda ha voluto scongiurare a priori prevedendo una sola cerimonia al giorno in modo da concedere l’esclusiva della location e costruire un matrimonio in base alle esigenze degli sposi..


La-qualità-del-servizio-al-primo-posto-copia.jpg

23 marzo 2018

Cosa può esserci di peggio di una cerimonia dove si mangia male? Sicuramente una cerimonia dove si è serviti male. Offrire un servizio adeguato agli elevati standard della nostra cucina è da sempre il nostro fiore all'occhiello. Abbiamo messo al bando i camerieri improvvisati, i ragazzini appena diplomati all'istituto alberghiero e, più in generale, il personale di servizio non adeguato alla nostra splendida location. Villa Feanda fa della qualità a 360 gradi il suo must.


importanza-cucina-1-1200x800.jpg

19 marzo 2018

In molti pensano che sia possibile sposarsi in bellissime location trascurando, però, il fondamentale aspetto legato alla buona cucina. Sono sempre più diffuse le ville per eventi che, anche se si presentano bene dal punto di vista puramente “estetico”, sottovalutano il valore di inserire all’interno del proprio staff uno chef competente. La classe di un matrimonio non si può giudicare solo dagli orpelli. Gli splendidi scorci panoramici, le decorazioni impeccabili, l’animazione in linea con i desideri e con lo stile degli sposi o il sottofondo musicale scelto con cura sono solo alcuni dei fattori che possono contribuire a rendere speciale un matrimonio.

Cucina: il cuore pulsante attorno al quale ruota la riuscita di una cerimonia

Il fattore cucina è un fattore determinante per la perfetta riuscita di una cerimonia nunziale. Troppo spesso sentiamo di coppie rimaste deluse dalla loro cerimonia perchè i piatti non si sono rivelati essere all’altezza nè dell’investimento economico e nè, tantomeno, delle aspettative riposte. Un buon organizzatore di matrimoni sa che gli sposi e i loro invitati vogliono essere “coccolati” con pietanze sfiziose ed originali. La “moda” di ingozzare gli sposi con enormi quantità di cibo è definitivamente tramontata nei matrimoni chic. Gli chef che si occupano di matrimoni sono orientati sicuramente alla qualità delle pietanze, piuttosto che alla quantità (anche se, di certo, non lasceranno a digiuno gli ospiti).

 

Carne o pesce? E’ indifferente. Importante è la qualità

Ogni chef che si rispetti deve essere sempre pronto a venire incontro alle esigenze culinarie degli ospiti. I menù “misti” di carne e pesce sono sempre di più un must delle ville che organizzano cerimonie. Villa Feanda ha fatto della cucina il suo fiore all’occhiello. Lo chef Vincenzo Pignatelli da oltre vent’anni garantisce l’altissima qualità dei banchetti nunziali. Il successo che Villa Feanda riscuote nell’ambito del wedding si posa su solidissime basi. Non ti resta altro che venire a trovarci per organizzare il tuo matrimonio da favola!

 

Trovi interessante questo articolo? Prova a leggere anche

 


lancio-riso-1200x800.jpg

12 marzo 2018

La tradizione del lancio del riso sulla coppia appena sposata ha radici antichissime e leggendarie che vanno fatte risalire alla tradizione cinese. Secondo la leggenda che ancora oggi viene tramandata, infatti, un genio buono ha “seminato” i suoi denti in un campo per alleviare le sofferenze della popolazione colpita da una funesta carestia. Da allora il riso, oltre che l’alimento più diffuso in Asia, è simbolo di prosperità, ricchezza e salute

Il riso tra gli antichi romani

Fonti storiche rilevanti ci raccontano di come l’uso di lanciare qualcosa agli sposi fosse diffuso anche tra gli abitanti dell’Urbe. All’epoca, però, non si trattava di riso, ma di chicchi di grano. Tra i romani, infatti, il grano era il simbolo di prosperità e ricchezza. Quando il grano cominciò a scarseggiare si fece ricorso al riso, meno costoso e molto più facile da reperire.

L’usanza oggi

Come abbiamo già accennato l’usanza di lanciare riso agli sposi è diffusissima ancora oggi anche se, nel corso del tempo, ha subito qualche lieve modifica. Anzitutto il riso. Non sempre si tratta di semplice riso da cucina. Molto spesso viene utilizzato riso colorato. Ultimamente, inoltre, si sta diffondendo l’uso di “mescolare” al riso confetti colorati o, addirittura, sostituire del tutto il lancio del riso con i confetti. I più tradizionalisti continuano a prediligere l’utilizzo del riso bianco, ma non mancano le varianti più “originali”.

L’usanza del riso agli sposi continuerà ancora a lungo? Difficile dirlo. Se in molti non vogliono assolutamente rinunciare a questa tradizione, è bene sottolineare che comincia a diffondersi una certa “resistenza” tra gli sposi. Le ragioni vanno ricercate sia in motivazioni di carattere etico (il riso è un alimento, e “sprecare” cibo in tempo di crisi non fa mai bene anche se si tratta di una tradizione antica) sia per la “stretta” di molti comuni italiani che stanno lentamente mettendo al bando questa usanza per ragioni legate alla pulizia e al decoro delle strade. Il riso lanciato, infatti, può restare sul manto stradale anche diversi giorni prima di essere rimosso dagli operatori ecologici.

 

Questo articolo ti è piaciuto? Prova a leggere anche:


colombe-bianche.jpg

8 marzo 2018

 

Il lancio delle colombe bianche al termine della cerimonia nunziale è da sempre uno dei riti più suggestivi. Si tratta di una tradizione popolare estremamente radicata e fortemente permeata di simbolismi. Le colombe, infatti, rappresentano purezza e fedeltà. Questo volatile forma una coppia stabile che dura per tutta la vita, niente di più appropriato, quindi, per augurare agli sposi una vita coniugale lunga, serena e prospera.

Lanciare le colombe bianche, quando?

Due sono i momenti in cui potrai dare vita alla magia del volo delle colombe. O all’uscita dalla chiesa o al termine della cerimonia, subito dopo il taglio della torta. Una volta liberate le colombe torneranno da sole al loro nido. Si tratta, infatti, di animali che possono essere facilmente addestrati e che riconoscono il richiamo dell’addestratore. In Italia è sempre più fiorente la scuola degli allevatori professionisti, veri e propri maestri in quest’arte antica.

 

Alcuni accorgimenti per evitare spiacevoli sorprese

Da qualche anno il volo delle colombe subito dopo il termine della cerimonia nunziale si sta lentamente sostituendo al lancio di riso o confetti. Alcune normative stringenti da parte dei Comuni – propensi all’abbandono di questa pratica per cause legate all’igiene urbana e al decoro delle strade – contribuiscono a mandare in soffitta l’abitudine di lanciare il riso agli sposi. Se, però, deciderai di voler comunque abbinare il volo delle colombe bianche al lancio del riso è opportuno prestare qualche accorgimento.

 

Le colombe sono degli animali perfettamente addestrati per il compito che devono svolgere. Per evitare spiacevoli sorprese, però, è importante separare attentamente il momento del lancio del riso alla “liberazione” dei volatili. Il riso, infatti, potrebbe spaventare gli uccelli, generando il poco simpatico effetto “fuga” da parte delle colombe. Un consiglio: se non vuoi assolutamente rinunciare al beneaugurante lancio del riso, scegli di posticipare il volo delle colombe al termine della cerimonia.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Continua a seguire il nostro blog, troverai tantissimi spunti interessanti


fiori-matrimonio.jpg

4 agosto 2017

Per molti la scelta dei fiori per addobbare un matrimonio, può risultatre un’operazione banale a cui spesso non si da importanza. Invece per i nostri sposi, soprattutto per le spose, la scelta un fiore con determinati colori, piuttosto che l’altro, scaturisce da una riflessione ben precisa: il significato dei fiori!

Abbiamo un pò curiosato, intervistando le nostre sposine chiedendo sul perchè avessero scelto quei determinati fiori. E leggete cosa è uscito fuori.

Molte hanno scelto il fiore più classico, quello che non tramonta mai: la rosa. Alcune hanno preferito scegliere la rosa bianca perchè essendo donne molto legate alla propria religione, questo tipo di rosa è simbolo di purezza e candore. Altre, invece, hanno optato per la superlativa rosa rossa, simbolo dell’amore passionale, altre ancora hanno scelto la rosa rosa, perchè è questo un tipo di fiore che esprime affetto, comprensione e dolcezza, per finire alcune spose hanno scelto la rosa gialla, che come ben sapete e sinonimo di gelosia, anche se negli ultimi anni il giallo è sempre più sinonimo di sole, estate, calore, dunque vita felice.

Alcune spose hanno preferito coccolarci con la bellezza incondizionata delle orchidee, simbolo di bellezza assoluta e ringraziamento per la concessione. Anche il garofalo è molto apprezzato dalle giovani spose, perchè contiene in sè grandi significati: dolcezza, amicizia e fedeltà. Le donne più sbarazzine ed estroverse, hanno scelto, invece, un’addobbo all’insegna di tanti girasoli, che al contrario della leggenda narrata sul loro significato di falsità, vengono scelti perchè seguono sempre  la direzione del sole, dunque la speranza che il loro matrimonio sarà sempre pieno di luce e gioia.

Molto usato anche il fiore Iris, simbolo di fede e giustizia. Generalmente lo si può trovare di colore blu o bianco, anche se devo dire che la maggior parte delle spose passate per Villa Feanda, lo hanno scelto bianco. Non sono da disdegnare le margherite, in quanto simbolo di amore fedele, innocenza e condivisione. Queste uniti ad altri fiori di campo creano un’atmosfera ad dir poco caratteristica.

Per chiudere, ci sono infine, coloro che hanno scelto fiori come:

  • la gardenia per esprime gioia, purezza e sincerità
  • l’Ortensia per esprime gratitudine per la comprensione e l’attenzione ricevuta
  • Peonia, ritenuta la regina dei fiori cinesi, il cui significato rappresenta un matrimonio felice.

E voi che fiore scegliereste?

Restate aggiornate su tutte le nostre news e tendenze visitando il sito Villa Feanda!


Progetto-senza-titolo-3.png

27 luglio 2017

Il giorno del matrimonio è un arcobaleno di momenti indimenticabili. Tra i momenti più belli ed emozionanti c’è sicuramente l’ingresso della sposa che lentamente si incammina verso lo sposo che l’attende all’altare. A rendere ancor più emozionante questo momento è la scelta dei paggetti piccoli, che precedono la sposa lungo il percorso con fedi e fiori tra le mani.

Che ruolo hanno i nostri piccoli giganti?

Piccoli esserini dal look elegante, sono solitamente sono bimbi maschi o femmine di età superiore ai 3 anni, scelti tra i figli di amici e parenti più cari.  Il numero di paggetti si può decidere in base alla disponibilità di bimbi in famiglia e in base all’effetto coreografico che si intende dare alla cerimonia; in genere sono in numero pari, da due fino ad un massimo di 8 e procedono sempre a coppia.  Sono quasi sempre una coppia formata da un maschietto e una femminuccia. Il primo porta tra le mani un cuscino con su le fedi; la femminuccia, invece, porta un bouquet di fiori, o un simpatico cestino con petali di fiori, che lascia cadere durante il tragitto della navata.

Noi di Villa Feanda, siamo testimoni, del fatto che sempre più coppie di sposi, decidono di affidarsi ai piccoli paggetti per farsi aiutare, al termine della giornata, nella consegna delle bomboniere. E’ davvero carino osservare la dolcezza dei bimbi mentre donano le bomboniere, e il sorriso sul volto degli invitati, nel ricevere i confetti.

Anche l’abbigliamento di damigelle e paggetti è fondamentale per rendere speciale e magica l’atmosfera della cerimonia. I loro abiti saranno in perfetto stile con quelli degli sposi, affinchè tutto sia in tema con l’intero matrimonio. Ricordate che l’abbigliamento viene scelto insieme alla sposa, la quale in genere contribuisce alla spesa e se ne fa carico.

La femminuccia potrà indossare il suo abito, conforme allo stile della sposa, ma di diverso colore, scegliendo tinte molto tenue e delicate ( come quelle pastello). Il tessuto potrà essere pieno di merletti, volant, ricami; ai piedi sono consigliate delle sobrie ballerine e dei piccoli fiorellini tra i capelli.

L’ abbigliamento dei paggetti, invece, richiama lo stile elegante dello sposo:  mini abiti con giacca e cravattino o camicetta bianca  e ai piedi dolcissimi scarpini di vernice. Sarà davvero commovente osservare questi dolci pupi, che come piccoli principi e principesse, contribuiranno a rendere quel matrimonio, un giorno da favola.

E’ proprio vero che per sognare ci vogliono gli occhi di un bambino!

 

Visitate il sito di Villa Feanda, per restare aggiornati su tutte le  news e le nuove tendenze

 

Potrebbe interessarti anche:

Cosa fa una damigella d’onore?

Consigli su come fare una lista nozze

Fedi nuziali, quali scegliere?